Il D.Lgs. n.90/2017 e la prevenzione dell’uso del sistema finanziario a scopo di riciclaggio e di finanziamento al terrorismo

In attuazione della Direttiva UE 2015/849, (c.d. IV Direttiva Antiriciclaggio) il 4 luglio 2017 è entrato in vigore il D.Lgs. 25 maggio 2017, n. 90, recante modifiche alla normativa italiana in materia di prevenzione dell’uso del sistema finanziario a fini di riciclaggio e finanziamento del terrorismo.

Tale decreto, che ha riscritto integralmente il D.Lgs. n. 231/2007 in tema di contrasto al riciclaggio e al finanziamento del terrorismo, ha ampliato la platea dei soggetti e categorie professionali interessati alla normativa antiriciclaggio e tenuti all’adempimento degli obblighi ivi previsti, ha confermato con alcuni aggiustamenti il sistema di prevenzione previgente, basato sull'adeguata verifica, sulla registrazione e sulla segnalazione delle operazioni sospette ed ha introdotto un nuovo impianto sanzionatorio più severo in funzione della gravità delle violazioni commesse.

I nostri servizi di consulenza:

 

Modello Organizzativo

Il D.lgs. 231/07 impone agli Intermediari Finanziari, ai Professionisti e alle altre categorie di destinatari della normativa antiriciclaggio, l'adozione di idonei e appropriati sistemi di gestione degli adempimenti antiriciclaggio.

Per saperne di più
Audit

Per audit si intende l’insieme di attività organizzate al fine di verificare l’effettiva applicazione di un adeguato Metodo di Organizzazione, Valutazione e Adeguatezza nel suo complesso e la sua idoneità rispetto ai profili di rischio evidenziati.

Per saperne di più
Formazione

L’art. 16 del D.Lgs 231/07 (IV direttiva) obbliga i destinatari della normativa antiriciclaggio ad adottare misure di adeguata formazione.

Per saperne di più